Partnership sociale: Prospettive di salvaguardia degli impieghi per il personale della Posta

21.09.2010

Nel corso delle trattative relative alle prospettive di salvaguardia degli impieghi, la Posta Svizzera, il Sindacato della Comunicazione e l’associazione del personale transfair hanno raggiunto un accordo in merito a un pacchetto di misure per il 2011, che permetterà ai collaboratori di usufruire di un fondo per attività di perfezionamento professionale, di un modello a tempo parziale in base all’età così come della possibilità di un pensionamento anticipato. Nel pacchetto sono comprese anche le misure salariali per il personale soggetto al CCL Posta. L’aumento generale dei salari sarà pari all’1%. Il datore di lavoro Posta si farà inoltre carico, come già nel 2010, dell’intero contributo del collaboratore ai fini del risanamento della Cassa pensioni Posta, che ammonta all’1%. L’azienda destinerà lo 0,8% del monte salari alle retribuzioni individuali in funzione del rendimento. Un ulteriore accordo riguarda il nuovo piano sociale unitario che troverà applicazione in caso di eventuali ristrutturazioni future.

Il pacchetto di misure per il 2011 offre ai collaboratori della Posta ulteriori prospettive di salvaguardia degli impieghi, a prescindere da un’effettiva riorganizzazione aziendale. Una di queste misure prevede un contributo di 5 milioni di franchi per attività di perfezionamento professionale al fine di aumentare la competitività del personale della Posta sia sul mercato del lavoro interno che esterno. Le parti sociali decideranno congiuntamente dell’utilizzo concreto di tali risorse. Inoltre i collaboratori che hanno almeno 58 anni e un salario di base annuo non superiore a 85'000 franchi potranno usufruire di un modello a tempo parziale in base all’età cofinanziato dalla Posta, nonché di un’offerta di pensionamento anticipato a partire dai 62 anni. Non sussiste tuttavia alcun diritto legale nei confronti di queste due opzioni.

Piano sociale unitario

Oltre al pacchetto di misure per il 2011, le parti sociali si sono accordate su un nuovo piano sociale, che garantirà un trattamento uniforme dei collaboratori in caso di ristrutturazioni aziendali e andrà a sostituire l’attuale accordo sociale all’interno del CCL Posta.

Misure salariali per il personale soggetto al CCL Posta

Per quanto concerne le misure salariali 2011, le delegazioni della Posta e dei sindacati si sono accordate sui seguenti punti:

  • nel corso del prossimo anno, il personale impiegato ai sensi del CCL Posta usufruirà di un aumento generale del salario pari all’1%;
  • nel 2011, il datore di lavoro Posta si farà inoltre carico dell’intero contributo del collaboratore ai fini del risanamento della Cassa pensioni Posta, che ammonta all’1%;
  • la Posta destinerà lo 0,8% del monte salari per la remunerazione individuale.

Le misure salariali per il 2011 riguardano gli oltre 36'000 collaboratori impiegati ai sensi del CCL Posta. Anche i collaboratori impiegati ai sensi del CCL per il personale ausiliario avranno diritto a un aumento generale del salario pari all’1%. Per il personale di AutoPostale Svizzera SA, PostLogistics SA, InfraPost SA e SecurePost SA verranno avviate invece trattative salariali separate.

Gli organi decisionali della Posta e dei sindacati devono ancora approvare l’accordo raggiunto dalle delegazioni negoziali. Per la Posta Svizzera la decisione spetta al Consiglio di amministrazione, per il Sindacato della Comunicazione alla commissione aziendale del settore Posta / Logistica e per transfair all'assemblea di categoria.