Iniziativa "Servizi postali per tutti"

26.09.2004

La Posta Svizzera accoglie con soddisfazione il responso del popolo svizzero e dei Cantoni sull'iniziativa "Servizi postali per tutti". Tale esito le consente infatti di mantenere la sua competitività e di continuare ad avvalersi delle nuove tecnologie sul piano della produzione e della distribuzione nonché di proporre prodotti innovativi. Le permette altresì di offrire anche in futuro un servizio pubblico di buona qualità. La Posta interpreta il voto espresso di misura dal popolo come un invito a proseguire l'adeguamento della sua rete alle mutate esigenze della clientela mediante un dialogo responsabile con la popolazione e l'economia.

Per la Posta Svizzera il rifiuto dell'iniziativa «Servizi postali per tutti» rappresenta senza dubbio un risultato positivo. Rafforza infatti l'azienda elvetica nel suo impegno volto ad affermare decisamente la propria posizione nei confronti di una concorrenza crescente. Con l'impiego di nuove tecnologie e nuove forme di servizi, la Posta sarà anche in futuro in grado di rispettare impeccabilmente il mandato di prestazioni del legislatore e del governo. Continuerà ad impegnarsi per offrire, in modo capillare nell'intero Paese, prodotti di buona qualità a prezzi in linea con il mercato.

Richieste soddisfatte già oggi

Le principali richieste dell'iniziativa, come il servizio universale, una rete di uffici postali capillare e il coinvolgimento dei comuni sono già ancorate nell'attuale legislazione. La Posta continuerà con il riassetto della rete di uffici postali in modo responsabile, attraverso il dialogo con clienti, comuni, cantoni, associazioni, con l'economia e con i propri collaboratori. La commissione indipendente "uffici postali" istituita dal DATEC ha il compito di inoltrare alla Posta raccomandazioni motivate.Anche dopo la votazione, il numero di uffici postali, agenzie o di altre forme di accesso fisico ai servizi postali, pari a 2500 unità, non sarà ridiscusso. La votazione ha tuttavia confermato il necessario margine di manovra di cui la Posta ha bisogno per adattarsi rapidamente all'andamento del mercato.

Gli obiettivi del Consiglio federale rimangono immutati

Indipendentemente dall'esito dell'odierna votazione, la Posta s'impegna a conseguire gli obiettivi fissati dal Consiglio federale. In tale ottica l'orientamento alla clientela, la competitività, l'aumento del valore dell'azienda nonché un servizio pubblico di buona qualità rimangono gli aspetti determinanti. Non cambierà nulla neppure dal profilo della politica del personale della Posta, che rimarrà progressista e socialmente responsabile. La Posta sarà anche in futuro fra le aziende più presenti in Svizzera anche nelle regioni periferiche e di montagna.